0823 1848090 osservatoriogiuridicoitaliano@gmail.com

Psicosomatica quando il corpo parla

Nel linguaggio comune, è diventato sempre più frequente, l’uso di parole come psicosomatica o modi di dire come “somatizzo”. Ma sappiamo esattamente cosa si intende per psicosomatica o cosa vuol dire la parola somatizzo? Ed ancora, sappiamo quali sono gli organi che prevalentemente subiscono gli effetti del nostro stress o delle nostre emozioni e soprattutto, sappiamo come riconoscere” i segnali” che il nostro corpo costantemente ci manifesta per farci comprendere, quasi come una sorta di campanello di allarme, che c’è qualcosa che non va? Orbene, la psicosomatica osserva la modalità di interazione tra mente, emozioni e corpo, e nello specifico, in che modo questi aspetti possono influenzare e riflettersi e strutturarsi sul nostro soma, sul nostro corpo. In un ottica di interazione di più fattori, la malattia non viene vista come un disturbo sgradito,ma bensi’ come una sorta di “spia” che si accende all’improvviso sul quadro strumenti di un auto e che ci induce a fermarci onde verificare cosa c’è che non va. Al di là delle parole, ciò che parla di noi è il nostro modo di porci nei confronti degli altri, i nostri gesti,la nostra postura o il nostro modo di abbigliarci. La comunicazione non verbale ed il linguaggio del corpo aiutano a “leggerci”meglio ed a comprendere meglio gli altri. Tutto questo è stato affrontato in un seminario tenutosi presso la sala degli Specchi dell’Ente Provinciale per il Turismo sita nella Reggia di Caserta e che ha ricevuto il patrocinio morale del Consiglio Regionale della Campania. Attraverso due incontri dal taglio didattico ed esperienziale, tali argomenti sono stati esposti dall’Avv. Tiziana Barrella, esperta di comunicazione non verbale e linguaggio del corpo; dal Dott. Antonio Girardi, medico chirurgo, omeopata, agopuntore e psicoterapeuta; dalla Dott.ssa Claudia Masciello, medico chirurgo e psicoterapeuta; dal Dott. Agostino Di Masi, psicologo e psicoterapeuta. L’evento è stato patrocinato dall’ Osservatorio Giuridico Italiano e dall’IFEN Istituto Federico Navarro.