0823 1848090 osservatoriogiuridicoitaliano@gmail.com

CORSO decodificatori FACS – Facial Action Coding System

Corso decodificatori FACS 10/11/12 aprileIl volto umano è una preziosissima fonte di informazioni, è il nostro primo biglietto da visita. Espressioni comuni come “faccia da schiaffi, faccia d’angelo, faccia di bronzo” rappresentano la prima forma di giudizio apparentemente priva di cognizione. La decodificazione istintiva attuata, ci aiuta ad effettuare un primo giudizio sul nostro interlocutore ed è quella che, più o meno sapientemente,ci consente di attivare una prima forma di difesa nei confronti di un soggetto sconosciuto.
Studi consolidati hanno consentito di affermare che, in qualsiasi parte del mondo ci si trovi,le espressioni del volto e le relative emozioni ad esso collegate,sono assolutamente identiche fra loro,senza distinzione alcuna di etnia, sesso, età.Inoltre,le espressioni,riprodotte nel tempo,generano dei segni tipici sul volto che,cristallizzandosi sullo stesso,potranno essere lette e codificate da un attento osservatore.
Le emozioni sono processi complessi, hanno un inizio, una durata ed una fase di attenuazione. Possono avere una causa esterna (il complimento di un amico) e/o interna (il ricordo di un amore sfumato) e comportano modificazioni assolutamente non gestibili dall’essere umano e pertanto,potenzialmente autentiche.
Il sistema nervoso autonomo non è sotto il nostro controllo, esso è costituito da due sottosistemi: parasimpatico e simpatico. L’attivazione del sistema “simpatico”, determina reazioni fisiologiche ( arrossire, tremare, sudare, balbettare) che un osservatore sapiente potrà valutare,accanto ad altri elementi,al fine di comprendere gli stati emozionali di un individuo.
Tutto ciò,ha un’enorme valenza,non solo nella vita di tutti i giorni,ma anche quando tali tecniche vengono finalizzate professionalmente nella propria attività.Il FACS, consente di aumentare il proprio livello di consapevolezza e spirito di osservazione,offrendo tutti quegli strumenti utili ad individuare le emozioni realmente sperimentate durante un dato accadimento.
E’ un metodo estremamente utilizzato nei paesi anglosassoni per la lotta antiterrorismo e consente inoltre, di comprendere le incongruenze esistenti tra il pronunciato e quanto realmente pensato.